Da zero a Pinterest: la guida per partire da zero su Pinterest Business


Questo articolo contiene link affiliati. Potrei ricevere una commissione sui prodotti che acquisterai in seguito ad un mio consiglio: per te il prezzo resterà uguale! Ti consiglierò sempre e solo prodotti di cui ho verificato la qualità.


Pinterest è un meraviglio strumento di marketing, in grado di portare sul tuo sito web o sul tuo blog decine, centinaia o addirittura migliaia di potenziali clienti in target ogni giorno!

Ma affinché ciò accada, è necessario comprenderne il funzionamento e saper sfruttare al meglio tutte le potenzialità che offre: partire con il piede giusto è sicuramente una scelta vincente!

Cos’è Pinterest

Per capire come utilizzare Pinterest per far crescere il tuo business, è prima fondamentale capire cosa sia realmente Pinterest.

Pinterest infatti non è un social media come tutti gli altri: il suo funzionamento è molto più simile a quello di un motore di ricerca.
Ogni utente non solo avrà a disposizione uno smart feed personalizzato in cui vedrà pin relativi agli argomenti di suo maggior interesse, ma potrà anche effettuare ricerche mirate all’interno di Pinterest.

Questo significa che i tuoi contenuti saranno a disposizione di tutti gli utenti, e non solo di quelli che già conoscono il tuo brand, aumentando esponenzialmente la possibilità di essere trovati e visti da potenziali clienti o lettori. Bello no?

A cosa serve Pinterest

Lo scopo principale del tuo account Pinterest sarà quindi quello di convertire gli utenti di Pinterest in click sui link che portano al tuo sito web, al tuo blog o alle tue pagine social (Pinterest permette di collegare il tuo account direttamente a Instagram, YouTube e Etsy, ma non ci sono limitazioni ai profili social che puoi collegare ai singoli pin).

Non dimenticarlo mai: lo scopo principale del tuo account Pinterest è portare gli utenti sul tuo sito web, blog o profilo social.

Questo è un concetto fondamentale, e ti sarà di grandissimo aiuto quando dovrai creare i pin.

Pinterest, da dove iniziare

Come in tutti i migliori cammini, il primo passo è sempre quello più difficile. Pinterest può essere in grado di cambiare le sorti del tuo business, ma da dove iniziare affinché ciò accada?

#1 Crea un account Pinterest Business

La prima cosa da fare è sicuramente creare un account Pinterest Business.
Pinterest infatti distingue in modo molto chiaro gli utenti che si limitano a salvare contenuti creati da altri  utenti e i creators, ovvero gli utenti che creano contenuti originali al fine di portare traffico sul proprio sito web: tu sei un creator, e dovrai quindi aprire un profilo business!

Profilo Personale: utenti che salvano contenuti creati da altri
Profilo Business: creatori di contenuti originali (creators)

ATTENZIONE! Non convertire il tuo profilo  personale in un profilo business! L’algoritmo di Pinterest richiede che il tuo profilo sia dedicato solo ed unicamente agli argomenti trattati dal tuo business.
Mischiare i tuoi interessi personali con i tuoi scopi lavorativi è uno degli errori più grossi che potrai fare su Pinterest.

#2 Identifica i contenuti

Questo è un passaggio fondamentale: prima di creare il nome utente del tuo profilo Pinterest Business, prima di caricare la foto del profilo, prima di fare qualsiasi altra cosa… identifica i contenuti che vorrai condividere su Pinterest.

Possono essere gli articoli del tuo blog, le pagine del tuo sito web, i prodotti che vendi o i servizi che offri. Ma è assolutamente fondamentale creare un elenco di almeno 10 contenuti chiari ed identificati con un url (link) specifico.

Solo così infatti riuscirai a comprendere realmente quali siano gli argomenti che ricorrono maggiormente nei tuoi contenuti, ed effettuare la giusta ricerca delle parole chiave su Pinterest al fine di creare il nome e la descrizione del tuo profilo, delle tue bacheche e dei tuoi pin.

Su Pinterest le parole chiave sono tutto: sarà grazie ad un sapiente utilizzo della SEO e delle parole chiave che riuscirai a mostrare i tuoi contenuti agli utenti realmente interessati, e far crescere il tuo business con Pinterest.

Per saperne di più su come cercare ed utilizzare le parole chiave all’interno di Pinterest, ti consiglio l’articolo SEO per Pinterest in Italiano: tutto quello che devi sapere sulle parole chiave e su come usarle!

NOTA BENE! Solo quando avrai identificato i tuoi primi 10 contenuti ed avrai effettuato la ricerca delle parole chiave, potrai completare il tuo profilo ed iniziare a creare le tue bacheche.
Sembra un lavoro enorme e inutile, ma ti assicuro che non lo è… e fidati di me, ne varrà la pena!

Hai bisogno di aiuto? Se parti da zero e non sai da dove iniziare o se devi riorganizzare il tuo account Pinterest Business già esistente, prova Pinterest Magic School: ti supporterò durante tutte le fasi di creazione ed ottimizzazione del tuo account Pinterest Business!

Clicca qui e scopri Pinterest Magic School.

#3 Crea le bacheche

Le bacheche sono alla base del funzionamento di Pinterest. Si tratta di cartelle dedicate ad un singolo argomento, all’interno delle quali salvare pin solo ed esclusivamente relativi a quello specifico argomento.

Per iniziare, ti consiglio di creare 5 bacheche, e di iniziare a salvare al loro interno pin di altri utenti, in modo che l’algoritmo di Pinterest inizia a comprendere quale sia realmente l’argomento trattato all’interno di ogni singola bacheca.
Questo passaggio è molto importante: sarà infatti la tua capacità di comprendere e soddisfare l’algoritmo di Pinterest a sancire la vittoria del tuo business su Pinterest, o la tua sconfitta.

Per saperne di più, leggi l’articolo Pinterest: La bacheca perfetta!

#4 Crea i tuoi pin

pin sono immagini – fotografie o grafiche – che rimandano direttamente ad un link. Quando un utente clicca su un pin, verrà indirizzato direttamente sulla pagina collegata al pin stesso… ovvero, il tuo sito!

La creazione dei pin richiede molta attenzione affinché siano efficaci, ma con il tempo diventerà sempre più semplice.

Qui trovi un articolo approfondito sulla creazione di pin che funzionino davvero, e su come evitare gli errori più comuni.

E se non hai competenze in campo grafico e non sai come creare pin in grado di generare davvero traffico verso il tuo sito web, prova Tailwind Create!

Tailwind Create permette di creare meravigliosi pin in pochissimi e semplici passaggi. Ho avuto la fortuna e l’onore di testare Tailwind Create in anteprima per l’Italia a Settembre 2020, ed ho riportato la mia esperienza in questo articolo:

CONSIGLIO! Crea 3 pin differenti per ogni contenuto identificato in precedenza, e programma di pubblicarli in 3 bacheche differenti.
Prima di iniziare a pubblicarli, creali tutti: sarà molto più semplice stabilire un calendario di pubblicazione, e soprattutto rispettarlo!

#5 Crea un calendario per la pubblicazione

A questo punto, dovresti avere un profilo Pinterest business ottimizzato, cinque bacheche che stanno iniziando a riempirsi con pin di altri utenti e un buon numero di pin pronti per la pubblicazione: è arrivato il momento di fare sul serio!

Crea un calendario di pubblicazione per i tuoi pin e pubblicane almeno 3 al giorno, a seconda di quanti tu ne abbia creati. 

Il mio consiglio è quello di programmare i tuoi pin su Tailwind, e lasciare che si occupi lui di identificare gli orari migliori in cui pubblicarli, e soprattutto che lo faccia!
Perchè lo sappiamo bene sia io che te… di pubblicare sui social, ci si dimentica.

Puoi accedere ad una prova gratuita di Tailwind per la pubblicazione dei tuoi primi 100 pin, senza inserire un metodo di pagamento e senza limitazioni di tempo: non hai nulla da perdere, prova subito Tailwind!

Clicca qui per provare GRATIS Tailwind.

CONSIGLIO! Usa la funzione shuffle di Tailwind per rendere casuale l’ordine di pubblicazione dei tuoi pin!

#6 Ci vuole pazienza

Ci vuole pazienza, tanta pazienza.
Ma ti prometto che, se ne avrai, Pinterest ti ripagherà con i risultati che speri.

Non dimenticare infatti che Pinterest è molto più simile ad un motore di ricerca che ad un classico social network, e questo significa che i contenuti pubblicati avranno bisogno di tempo per “guadagnare punti” ed essere scelti dall’algoritmo quando un utente effettua una ricerca.

Il vantaggio di questo meccanismo è che, quando un pin diventa virale, lo rimane per mesi interi, a volte anche anni!

Il mio più grande consiglio è quindi quello di continuare a creare e pubblicare pin, anche e soprattutto se non vedrai risultati immediati.

E se avrai bisogno di supporto nel creare la tua strategia di crescita ed il tuo calendario editoriale, o nell’ottimizzare il tuo profilo utilizzando le giuste parole chiave, non dimenticare che sarò sempre qui per te attraverso SOS Pinterest. Scopri Pinterest Magic School e dai nuova vita al tuo business su Pinterest!

Informazioni sull’autore


SARA ANFOSSI

Sara Anfossi
Ciao sono Sara, la fondatrice di Breakfast Busyness.
Ti aiuto a trasformare il tuo blog in un business insegnandoti a pensare come pensano i tuoi clienti. Scopri di più.