18 cose che avrei voluto sapere prima di aprire un blog


I miei articoli possono contenere link affiliati. Potrei ricevere una commissione sui prodotti che acquisterai in seguito ad un mio consiglio: per te il prezzo resterà uguale 💛


Aprire un blog è facile, veloce e poco costoso.
Un blog può essere uno strumento molto utile per vendere di più o iniziare a guadagnare soldi online, ma ci sono alcune cose che dovresti sapere e fare prima di aprire un blog.

Aprire un blog non è infatti sufficiente per ottenere traffico e guadagni: dovrai imparare ad usarlo nel modo giusto, evitando gli errori che ti farebbero sprecare soldi, tempo ed energie senza portarti risultati.

Aprire un blog non è costoso

Se stai aspettando ad aprire il tuo blog perché pensi che richiesta un grosso investimento, devi sapere che non è così: puoi aprire il tuo blog professionale con WordPress investendo circa 60€ per il primo anno.

Avrai infatti bisogno di:

Un hosting (lo spazio online del tuo blog) → 60€ circa per il primo anno
Un dominio (il nome del tuo blog) → Gratuito per il primo anno
Un tema (la “grafica”) del tuo blog → Gratuito

Qui trovi la mia guida con immagini per aprire il tuo blog con 60€ circa: ti aiuterò io a scegliere hosting dominio e tema.

E DOPO IL PRIMO ANNO?

Dal secondo anno di vita del tuo blog l’hosting avrà un prezzo di 170€/anno circa ed il dominio di 15€/anno circa. Il tema rimarrà gratuito per sempre.

Non aprire un blog gratuito

Esistono moltissime piattaforme che ti permettono di aprire un blog gratuito, ma prima di aprire il tuo blog devi sapere che non è una buona idea.

I blog gratuiti hanno infatti opzioni limitate, sono spesso penalizzati dai motori di ricerca come Google e molte aziende preferiscono non collaborare con blog gratuiti.

Avrai di conseguenza:

❌ Meno traffico
❌ Meno vendite
❌ Meno guadagni

…impiegando lo stesso tempo e le stesse energie: ne vale la pena?

ATTENZIONE!

I blog gratuiti hanno un altro problema: non sono mai davvero di tua proprietà, poiché sono costruiti all’interno di piattaforme esterne (un po’ come i profili social).

Non devi scrivere ciò che ti piace

Prima di aprire un blog devi scegliere di quali argomenti parlerai nei tuoi articoli.

È fondamentale capire subito che, se vorrai che il tuo blog ti porti traffico e clienti, dovrai scrivere articoli che rispondano alle domande che gli utenti fanno ogni giorno sui motori di ricerca come Google, e non riguardo alla tua vita e le tue esperienze.

Il tuo blog sarà ovviamente incentrato su un argomento che ti piace e che conosci bene, ma prima di iniziare a scrivere i tuoi articoli dovrai imparare a fare la ricerca delle parole chiave ed utilizzare la SEO nel modo corretto.

Prima di aprire un blog devi conoscere la SEO

La SEO (Search Engine Optimization) è l’insieme delle regole e degli accorgimenti che permettono ai  tuoi articoli di posizionarsi su Google e di essere trovati dagli utenti.

Puoi scrivere il blog più bello e interessante nel mondo, ma se nessuno trova i tuoi articoli… nessuno li leggerà.

Non farti spaventare dalla SEO: sembra più difficile di quanto non sia in realtà, e tutti (ma proprio tutti) posso imparare a scrivere una articolo di blog che funzioni e che appaia nella prima pagina di Google.

Non devi scrivere tre articoli a settimana

Sul tuo nuovo blog non dovrai scrivere tre articoli a settimana, o due, o cinque… o qualsiasi numero ti abbiano detto.

La ragione è molto semplice, e conoscerla prima di aprire il tuo blog ti aiuterà moltissimo: gli articoli di un blog sono contenuti che non scadono.

Questo significa che, un articolo scritto oggi, potrà essere trovato dagli utenti di Google  e generare traffico anche tra diversi anni.

Non è quindi importante pubblicare un numero regolare di articoli, ma piuttosto pubblicarne tanti, per avere sempre più traffico.

Sono infatti gli articoli la principale differenza tra un blog e un sito web.

NOTA BENE!

Tutti gli articoli che scrivi sul tuo blog devono seguire le regole della SEO ed avere uno scopo all’interno della tua strategia di traffico e/o di vendita: non scrivere articoli fatti male solo per aumentarne il numero.

Ogni articolo deve avere uno scopo

Ogni articolo che scrivi sul tuo blog deve avere uno scopo preciso all’interno della tua strategia.

Lo scopo di un articolo può essere:

✨ Portarti traffico
✨ Aumentare gli iscritti alla tua mailing list
✨ Vendere un servizio / prodotto
✨ Monetizzare con i banner pubblicitari o le affiliazioni

Trovare uno scopo ad ogni articolo, e scriverlo in modo da perseguirlo, permetterà al tuo blog di crescere pin velocemente, e riuscirai a raggiungere i tuoi  obiettivi di traffico e di guadagno molto prima.

Le categorie sono importanti

Le categorie non sono solo contenitori di articoli: sono la mappa di tutto ciò che pubblichi sul tuo blog, e ti aiuteranno tantissimo a delineare la tua strategia di vendita.

È infatti proprio dalla scelta delle categorie che derivano:

✨ Le parole chiave che userai
✨ I freebie che vorrai creare
✨ Tutto ciò che scriverai ai tuoi lettori

Pensa alle categorie del tuo blog come ad un sole attorno a cui tutto il resto deve ruotare, e non sottovalutare la loro importanza.

Ti aiuteranno a rimanere coerente e non perderti nelle tue  idee.

Il logo, i colori e la grafica non sono importanti come pensi

Creare, scegliere i colori del tuo blog e definire il suo aspetto grafico è importante, ma non importante quanto pensi ora.

Il tuo blog dovrà  avere un aspetto professionale e comunicare il tuo brand in modo corretto, ma se gli articoli sono scritti bene e sono interessanti, il traffico arriverà ugualmente.

Non perdere tempo a cambiare mille volte il colore di una scritta: il tuo blog deve farti guadagnare, non vincere Miss Italia.

Con i banner pubblicitari si guadagna poco

I banner pubblicitari sono quelle pubblicità che appaiono su quasi tutti i siti web e i blog del mondo. quando un utente clicca sul banner, il proprietario del sito o del blog guadagna.

Ma quanto guadagna?
Poco.

Con Google AdSense, il programma di banner pubblicitari di Google e l’unico che accetta anche blog appena aperti, si guadagno  pochi centesimi a clic…  che inizialmente significa pochi centesimi al giorno (e spesso zero).

Esistono anche programmi per la pubblicazione di banner pubblicitari che pagano molto di più, ma richiedono un minimo di visitatori mensili molto alto (ad esempio 50.000 sessioni al mese per Mediavine).

CONSIGLIO!

I banner pubblicitari sembrano un modo facile di guadagnare, ma non  lo sono. Rischiano invece di rendere la lettura dei tuoi articoli molto difficoltosa: non riempire il tuo blog di banner, guadagneresti comunque poco, ed il tuo blog piacerebbe meno agli utenti e a Google.

Guadagnare con le affiliazioni non è facile

Come per i banner, anche il guadagno passivo con le affiliazioni non è facile come sembra.

Guadagnare con le affiliazioni significa suggerire ai tuoi lettori prodotti o servizi di altre aziende e guadagnare una percentuale sulle vendite (il programma di affiliazione più diffuso e famoso è quello di Amazon).

Non basta però parlare di prodotti e servizi nei tuoi articoli per venderli: dovrai creare una strategia apposita composta da più articoli e sequenze di email, ma sopratutto creare un legame con i tuoi lettori affinché si fidino di te.

Le  affiliazioni possono funzionare molto bene e farti guadagnare realmente, ma prima di aprire il tuo blog devi assolutamente sapere che non è facile come vogliono farti credere.

I social media servono per portarti traffico

Una cosa che devi assolutamente saper e prima di aprire un blog è che il traffico è tutto: senza traffico nessuno legge i tuoi articoli, e nessuno compra ciò che vendi.

Ecco perché  i social media con Instagram e Facebook non devono essere un’appendice senza scopo del tuo blog, ma essere usati ogni giorno per portare nuovi utenti sui tuoi articoli.

Molto spesso si cerca di aumentare il numero dei follower di Instagram mandando lì i lettori del blog… per poi cercare da Instagram di rimandarli al blog: questo non ha senso.

Scegli qual è il tuo canale di vendita principale, e se è il blog, sfrutta i social media per invogliare gli utenti a leggere i tuoi articoli.

Anche i social media sono uno strumento per portare più traffico al tuo blog.

Pinterest non è un social media (e ti serve)

Pinterest non è un social media, è un motore di ricerca: come  tutti i motori di ricerca, il suo scopo è portare traffico al tuo blog.

Capire come funziona Pinterest non è difficile, e può davvero fare la differenza: ancora oggi Pinterest porta sul mio blog CENTINAIA di utenti ogni giorno, e contribuisce in modo importante al mio traffico e alle mie vendite.

Quando apri il tuo blog, apri anche il tuo account Pinterest per aziende (è gratuito) e inizia a usarlo subito: rimandare non è una buona idea, e potresti perdere moltissimo traffico.

Dovresti creare il tuo blog da solo

I web designer sono figure fondamentali per la costruzione di siti e di piattaforme online complesse, ma la costruzione di un blog non richiede grandi competenze.

Se sceglierai di far creare il tuo blog da qualcun altro, oltre a dover investire una cifra di soldi adeguata, avrai il grande problema di non saper gestire le modifiche in autonomia, e di dover chiedere a qualcuno (e pagare) ogni volta che hai bisogno di cambiare qualcosa o di pubblicare una nuova pagina.

Moltissimi dei miei studenti si sono pentiti negli anni di non aver creato il proprio blog da soli, ritrovandosi a partire da zero.

Aprire un blog con WordPress è più facile di quanto pensi.

CONSIGLIO!

Costruire un blog con WordPress è facile e intuitivo.
La prima volta  può sembrarti difficile, ma diventa sempre più facile: non ho nessun vantaggio a darti questo consiglio, se non che credo ne valga davvero la pena.

Prima di aprire un blog, apri la tua mailing list

La mailing list è la lista di indirizzi email delle persone che scelgono di iscriversi alla tua newsletter, ed è l’unico modo che hai per rimanere in contatto con gli legge i tuoi articoli.

Non aspettare ad aprirla: anche se avrai un solo iscritto, lui non saprà di  essere da solo, e potrebbe diventare un cliente.

Aprire una mailing list è gratuito, ed oltre alle newsletter avrai accesso a molte altre funzioni indispensabili per creare un blog che funzioni:

✨ Sequenza di email automatiche
✨ Creazione di landing page (pagine di vendita)
✨ Consegna di freebie e prodotti digitali

Come si guadagna con un blog

Una cosa che avrei voluto sapere prima di aprire un blog è come si guadagna (davvero) con un blog.

Oltre al guadagno passivo con i banner e le affiliazioni, che come abbiamo visto non è facile e immediato come sembra, un blog è in realtà uno strumento che ti permette di raggiungere nuovi utenti interessati a ciò che fai e vendi ogni giorno.

Lo scopo degli articoli di un blog è quello di mostrare ai lettori le tue competenze e le soluzioni che puoi offrire, per arrivare poi alla fase di vendita avendo già guadagnato la loro fiducia.

Un blog può quindi aiutarti a vendere qualsiasi cosa tu venda, e spesso il guadagno principale viene dalla  vendita di:

✨ Prodotti fisici
✨ Servizi
✨ Corsi online
✨ Coaching
✨ Prodotti digitali (es. template, checklist, ebook)

Il traffico da solo non basta

Questa è forse la  cosa più importante che devi sapere prima di aprire un blog: il traffico da solo non basta.

Le persone non compreranno da te solo perché sono finite sui tuoi articoli, ma al contrario li leggeranno ottenendo informazioni gratuite ed andranno via.

Per vendere e guadagnare con un blog hai bisogno di una strategia di vendita, formata da newsletter, landing page, form di iscrizione, funnel e sequenze automatiche.

Non preoccuparti se non sai cosa siano tutte queste cose: a guadagnare con un blog si impara, puoi iniziare con la mia guida gratuita.

Non dimenticarlo mai: per guadagnare con  un blog hai bisogno di una strategia chiara da seguire.

Il traffico da solo non basta.

Per ottenere risultati ci vuole tempo

Il tuo blog ti darà soddisfazioni dal primo giorno che lo apri: è bello vederlo crescere e formarsi proprio come l’hai sempre immaginato.

Prima di aprire un blog devi però sapere che per ottenere traffico e guadagni ci vuole tempo: i motori di ricerca come Google e Pinterest infatti hanno bisogno di qualche mese per capire di cosa parlino i tuoi articoli, e mostrarli alle persone che li stanno cercando.

Questo non significa che per mesi nessuno leggerà  il tuo blog, ma che per avere traffico costante dovrai aspettare un pochino.

Non preoccuparti quindi se hai aperto da poco il tuo blog e pensi che non funzioni: piano piano inizierà a portarti traffico.

NOTA BENE!

Quando i motori di ricerca avranno imparato a conoscere il tuo blog, i nuovi articoli inizieranno a portarti traffico sa subito.

Il tuo blog cresce se gli dedichi tempo

Un blog che funziona non è in passatempo.
Per ottenere traffico e guadagni dovrai dedicare al tuo blog tempo ed energie, facendolo crescere giorno dopo giorno.

Se il tuo blog ha 10 articoli, magari scritti anche senza seguire le regole della SEO, non avrà mai traffico, e non ti farà mai vende e guadagnare.

CONSIGLIO!

Non devi dedicare al tuo blog tempo che non hai, ma cerca di essere costante: due ore a settimana, mezzo’ora ogni giorno… dipende da te.
Ma rendilo un appuntamento fisso.

Hai altre domande?

Se hai altre domande che vorresti farmi prima di aprire lituo blog o se vuoi dirmi cosa ne pensi di questo articolo scrivi in DM su Instagram e parliamone insieme

Troverai ogni settimana nuovi contenuti su come…

💰 Imparare a vendere con il tuo blog
🌳 Usare in modo efficace email marketing + newsletter + funnel
🚀 Aumentare il tuo traffico e le tue vendite con Pinterest

Pin di Pinterest per l'articolo di blog: 16 cose che avrei voluto sapere  prima di aprire un blog

Informazioni sull’autore


SARA ANFOSSI

Sara Anfossi
Blog Strategist & Pinterest Expert.

Ti insegno a guadagnare con il tuo blog.
Scopri di più.